📁
Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia
L'impresa e le società

L'impresa individuale

Ai sensi dell’art. 23 c.c., ciascun individuo ha facoltà di esercitare un’attività economica senza la necessità di organizzarsi in forma collettiva mediante società o altre persone giuridiche. Requisito necessario al fine di operare come imprenditore individuale è la registrazione dell’impresa presso l’Amministrazione fiscale.


Qualora un individuo eserciti di fatto attività d’impresa, esso sarà considerato imprenditore fin dalla effettiva data di avvio dell’attività economica.

All’imprenditore individuale vengono applicate le disposizioni relative alle imprese collettive (società di persone, società di capitali e consorzi) salvo che tale applicazione non sia espressamente esclusa da una specifica disposizione di legge.

L’individuo che esercita un’attività di impresa, ai sensi dell’articolo 24
del Codice Civile Russo, risponde delle obbligazioni contratte in proprio nome, con tutti i propri beni, eccetto i beni impignorabili.

Ai sensi dell’art. 25 c.c., in caso di insolvenza, l’imprenditore viene dichiarato fallito e cancellato dal registro commerciale. Tutti i creditori dell’imprenditore individuale fallito possono insinuarsi al passivo (inclusi i creditori personali).

I crediti sono soddisfatti nel seguente ordine: crediti per danno biologico alla vita o alla salute in pari grado con i crediti alimentari (anche mediante capitalizzazione degli obblighi periodici), crediti dei dipendenti e per diritto d’autore, crediti ipotecari, crediti dell’erario e infine crediti chirografari.

Una volta soddisfatte le pretese dei creditori concorrenti, l’imprenditore è liberato dalle restanti obbligazioni.

Argomenti nella stessa categoria