📁
Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia
Fare impresa

Sistema economico - commerciale

Prospetti di sintesi

 

Forme societarie esistenti

(i) SPA aperte e chiuse (in relazione alla possibilità o meno di trasferire le azioni senza vincoli); (ii) SRL; (iii) Società a responsabilità aggiuntiva o doppia; (iv) due società di persone, assimilabili alle SNC e SAS italiane, (v) joint activity o simple partnership (assimilabile alla società semplice italiana).
N.B. Anche le società di persone hanno la personalità giuridica (il reddito NON viene imputato ai soci per trasparenza, ma viene tassato in capo alla società ad IRES)

Caratteristiche principali delle forme societarie più utilizzate dall’investitore straniero

SPA
- Capitale sociale minimo: 100.000 RUB per le SPA chiuse, 10.000 RUB per le SPA aperte
- Numero massimo di soci: 50 per le Spa chiuse, illimitato per le SPA aperte
- Organi sociali: assemblea, organo esecutivo, consiglio di
amministrazione (per SPA aperte) e collegio sindacale;
- Cessione delle azioni: solo nelle SPA chiuse esiste diritto di prelazione a favore degli altri soci;
- Responsabilità soci/amministratori: normativa meno rigida rispetto alle SRL
- Diritto di recesso: normativa più circoscritta rispetto alle SRL
SRL
- Capitale sociale minimo: 10.000 RUB
- Numero massimo di soci: 50
- Organi sociali: assemblea, organo esecutivo, collegio sindacale;
- Cessione delle azioni: diritto di prelazione a favore degli altri soci;
- Responsabilità soci/amministratori: normativa rigida
- Diritto di recesso: inderogabile a favore dei soci

Gruppi societari

(i) Responsabilità sussidiaria della controllante per le obbligazioni della controllata russa, in caso di insolvenza; (ii) la detenzione di partecipazioni superiori al 20% del capitale sociale va iscritta nel registro delle imprese.

Tutela della proprietà industriale

Disciplina puntuale dei diritti di proprietà industriale (marchi e brevetti) in normativa recente (2002/2003), in linea con gli standard europei

Regime proprietà immobiliare

Possibilità, in generale, per gli stranieri di acquisire beni immobili a titolo di proprietà fatta eccezione per: (i) beni immobili siti in zone di confine; (ii) terreni agricoli (possibilità di utilizzare a titolo di locazione o in comproprietà)


SISTEMA FISCALE

Imposta sui redditi delle persone fisiche
(IRPEF)

Aliquote: (i) per i residenti 13% (ordinaria); 35% su determinate tipologie reddituali marginali, 6% sui dividendi; (ii) per i non residenti 30% (o minori aliquote previste nelle convenzioni internazionali).

Soggetti passivi: persone fisiche residenti (più di 183 gg. in Russia), e non residenti che percepiscono redditi di fonte russa.

Imposta sui redditi societari (IRS) in generale

Aliquota ordinaria : 24% (dal 2005, devoluta ai governi federale e regionali, e non più agli enti locali, come in precedenza).

Regimi speciali di tassazione: per alcune tipologie di contribuenti, tra cui piccole imprese con fatturato inferiore a 15.000.000 RUB: (i) imposta sostitutiva del 6% sui soli proventi o del 15% sui proventi al netto dei costi, (ii) l'imposta è sostitutiva di IRS, imposta patrimoniale societaria, contributi sociali e IVA.

Soggetti passivi: (i) società residenti; (ii) società non residenti con stabile organizzazione in Russia; (iii) società non residenti prive di stabile organizzazione che percepiscono redditi di fonte russa (applicazione di ritenute alla fonte).

Dichiarazione dei redditi: (i) annuale entro il 28 marzo dell'anno successivo; (ii) periodica entro il 28 del mese successivo al mese/trimestre di riferimento (reporting period).

Liquidazione dell’imposta: (i) annuale a saldo entro lo stesso termine di presentazione della dichiarazione; (ii) acconti periodici mensili in corso d’anno entro il 28 del mese.

IRS: Principali componenti della base
imponibile

Dividendi: tassati separatamente ad aliquote del:
- 6% se corrisposti da società russe;
- 15% se corrisposti da società non residenti.

Plusvalenze d’impresa: tassazione ordinaria, anche se inerenti partecipazioni (no participation exemption).

Interessi passivi: esiste normativa sulla thin capitalization (DER 3 a 1, per finanziamenti da casa-madre estera a società russa partecipata per più del 20%), gli interessi eccedenti si qualificano come dividendi.

Accantonamenti rischi su crediti: deducibilità in parte limitata

Ammortamenti: diverse aliquote in relazione alle tipologie di
immobilizzazioni (materiali e immateriali).

IRS: Altre informazioni di interesse

Perdite fiscali: riporto in avanti (carry forward) per 5 anni.
Normativa CFC: non prevista.

Consolidato fiscale per i gruppi: non previsto.

Riorganizzazioni societarie: neutralità fiscale.

Transfer pricing: esiste normativa specifica applicabile sia per operazioni tra residenti che con soggetti non residenti.

Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni: stipulate con 82 paesi, di cui con 14 paesi non ancora entrate in vigore.

IRS: Ritenute alla fonte sui redditi percepiti da soggetti non residenti
privi di stabile organizzazione

- 15% sui dividendi;
- 20% su interessi, royalties;
- 20% sul prezzo di vendita degli immobili, ovvero 24% sulla
differenza tra prezzo di vendita e costo di acquisto (capital gain): analogo meccanismo per capital gain da cessione partecipazioni in società con più del 50% dell’attivo investito in immobili.
Se il percettore è italiano, la convenzione Italia/Russia prevede le seguenti ritenute alla fonte:
- 10% sui dividendi o 5% per part.>10%;
- 10% su interessi;
- 0% sulle royalties.

Imposta patrimoniale societaria

Aliquote: sino ad un massimo di 2,2% (aliquote stabilite dalle Regioni).

Soggetti passivi: società residenti, società non residenti con stabile organizzazione in Russia, società non residenti che possiedono immobili in Russia.

Base imponibile: valore contabile medio annuo delle immobilizzazioni materiali.

Periodo d’imposta: anno solare.

Liquidazioni e dichiarazione: (i) liquidazioni dell’imposta e
dichiarazioni periodiche trimestrali entro il 30 del mese successivo al trimestre; (ii) dichiarazione annuale entro il 30 marzo dell'anno successivo.

IVA

Aliquote: 18% (ordinaria) ed è attesa una riduzione al 16%-15% nel 2005-2006, 10% (ridotta su alcune tipologie di beni di prima necessità), 0% (esportazioni).

Presupposti (oggettivo, soggettivo e territoriale): simili a quelli previsti nella normativa italiana.

Meccanismo di applicazione: simile a quello previsto nella normativa italiana (detrazione dell’Iva sugli acquisti dall’Iva sulle vendite), con previsione di operazioni esenti, non imponibili ed escluse.

Principali differenze rispetto al D.P.R.633/72: (i) inclusione nella base imponibile delle operazioni aventi ad oggetto terreni agricoli; (ii) possibilità di liquidare l’imposta al momento dell’incasso, indipendentemente dal momento in cui l’operazione si considera effettuata; (iii) meccanismo del reverse charge con scorporo (anziché incremento) dell’IVA dal prezzo della fattura.

Liquidazione dell’imposta: mensile, entro il 20 del mese successivo, o trimestrale per contribuenti minori.

Dichiarazione IVA: da presentare entro lo stesso termine di effettuazione delle liquidazioni.

Altri principali tributi

Dazi doganali (cap. 16.2)
Accise (cap. 16.3)
Imposta sociale unica (cap.16.4)
Imposta sui terreni
Imposta sull’estrazione di materie prime
Altri tributi (cap. 16.5)

 

Argomenti nella stessa categoria