📁
Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia
Il franchising

Caratteri del rapporto di franchising

In base ai suoi tratti caratterizzanti, il franchising può essere quindi concepito come un contratto di durata in virtù del quale un’impresa produttrice (di beni o di servizi) o già presente sul mercato come distributore (franchisor) concede ad un’altra impresa indipendente (franchisee), la facoltà di entrare a far parte della propria catena di produzione e/o di distribuzione, con il diritto di sfruttare – a determinate condizioni e dietro il pagamento di un corrispettivo finanziario diretto o indiretto (franchise fee) – i brevetti, i marchi, il know-how, il nome, l’insegna o addirittura una semplice formula o segreto
commerciale ad esso appartenente. In base allo stesso accordo, il franchisor si obbliga ai rifornimenti di beni e/o di servizi, mentre il franchisee si obbliga ad uniformarsi costantemente ad una serie di comportamenti prefissati dal suo dante causa.

Le obbligazioni essenziali del contratto di franchising sono quindi:
• l’utilizzazione dei segni distintivi del franchisor;
• la comunicazione del know-how;
• l’assistenza commerciale e/o tecnica per tutta la durata del contratto;
• il rispetto della riservatezza circa il contenuto del package deal fornito dal franchisor.

La varietà delle prestazioni oggetto del contratto di franchising, lo rende un contratto misto (cd. mixed contract) in cui la concessione di un know how si mescola alla fornitura dei beni e all’assistenza tecnica necessaria per aprire e per gestire il punto vendita.

Così individuato il nucleo del rapporto, anche nella prassi internazionale si distinguono tre tipi di franchising:
franchising di prodotto o industriale, che riguarda la produzione di beni ed in base al quale il franchisor concede al franchisee la licenza di know-how e di marchio per la produzione e la successiva rivendita dei beni da esso prodotti. Tale formula consente di abbinare l’elevato grado di scolarità della manodopera russa con il know-how fornito dalle imprese italiane e quindi si presta ad essere utilizzata nel settore delle lavorazioni industriali;
franchising di distribuzione, che riguarda la vendita di merci e nel quale il franchisor nomina il franchisee distributore privilegiato dei suoi prodotti, a condizione che questi si uniformi e rispetti completamente la formula commerciale del franchisor. Nei confronti della Russia, tale forma distributiva si presta a sfruttare l’attuale sviluppo del mercato locale dei beni di consumo;
franchising di servizi, in virtù del quale il franchisee offre e fornisce prestazioni di servizi qualificate sotto l’insegna, la ditta oppure il marchio del franchisor, conformandosi completamente alle direttive di quest’ultimo (ad es. servizi complementari all’industria).

Argomenti nella stessa categoria