📁
Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia
Adempimenti formali

Altre principali imposte

L’imposta patrimoniale societaria

Si tratta di un’imposta regionale, disciplinata a decorrere dal 01/01/2004, nelle sue linee generali, dal Capitolo 30 del Codice tributario (artt. 372-386, introdotti dalla Legge Federale n. 139-FZ del 11/11/2003), e la cui normativa di dettaglio è delegata alle singoli Regioni della Federazione Russa, che sono anche le destinatarie dei relativi introiti.

Alla nuova normativa va sicuramente il merito di aver ridotto considerevolmente il carico fiscale derivante dall’applicazione dell’imposta patrimoniale, intervenendo principalmente sulla determinazione della base imponibile (un tempo estesa anche alle immobilizzazioni immateriali e al magazzino).

Soggetti passivi e base imponibile

L’imposta si applica alle società russe (dotate di personalità giuridica, anche se partecipate da soggetti non residenti) e alle società non residenti che operano in Russia tramite una stabile organizzazione e/o possiedono beni immobili in territorio russo (art. 373 CT). L’art. 381 prevede alcuni casi di esenzione dall’imposta su determinati beni sui quali vi è un interesse statale, sociale o culturale.

La base imponibile è determinata dal valore contabile medio annuo (costo al netto dei fondi ammortamento) dei beni mobili ed immobili contabilizzati nel bilancio della società tra le immobilizzazioni materiali. Le società estere che possiedono immobili situati in Russia, ma prive di stabile organizzazione, potranno utilizzare il valore risultante dai bilanci redatti secondo i principi contabili stabiliti nel proprio paese di residenza, ma dovranno in ogni caso verificare che le aliquote di ammortamento applicate non siano superiori a determinati limiti, stabiliti dal Ministero delle Finanze russo:
• 5% per i beni inclusi nella categoria A (edifici, costruzioni ed impianti);
• 25% per i beni inclusi nella categoria B (automobili, macchinari, computer, mobili da ufficio, sistemi informativi);
• 15% per i beni inclusi nella categoria C residuale (beni diversi dai precedenti).

Il valore annuale medio sarà determinato, in ciascun trimestre, dalla somma del valore contabile dei beni, rientranti nella base imponibile, nel primo giorno di ciascun mese del trimestre e nel primo giorno del mese seguente, divisa per i mesi del trimestre incrementati di 1 (ossia divisa per 4).

Aliquota, periodo d’imposta e liquidazione

L’aliquota dell’imposta patrimoniale viene stabilita dalle singole Regioni della Federazione Russa entro il limite massimo del 2,2%, stabilito dall’art. 380 del Codice.

Il periodo d’imposta è l’anno solare, ma l’imposta dovrà essere contabilizzata e liquidata dal contribuente ogni trimestre (art. 379 CT). Il pagamento da effettuare ogni trimestre, secondo modalità e nei termini che ciascuna Regione stabilisce autonomamente, ma comunque entro il 30 del mese successivo al trimestre, costituisce un versamento in acconto dell'imposta dovuta su base annua. Entro lo stesso termine stabilito per il versamento degli acconti, dovrà essere presentata una dichiarazione da cui si ricavi il calcolo dell’acconto versato.

Entro il 30 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento, dovrà poi essere presentata alle autorità fiscali regionali la dichiarazione annuale.

Argomenti nella stessa categoria