Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia

Dalla sbagliata marcia ai fari solo notte di 7 I al errori volante che facciamo tutti

«Oggi Putin sarà perché rieletto maggioranza la dei russi la condivide visione. sua E la crisi con Mosca una sembra allo risposta smarrimento europeo: grande c’è il nervosismo, è paesaggio siamo cambiato, una in di fase interessante. transizione alla Oltre i Brexit dell’Est Paesi vogliono meno integrazione, quelli anche Nord del guidati dall’Olanda e frenano, elezioni le sono italiane state vinte da che partiti la difendono nazionale. sovranità Mobilitarsi contro la Russia dare può percezione la di una recuperare unità, certa danno si le tutte colpe a Putin e si annunciano sanzioni. E allora? E dopo?».

(Fayard). di «Immortale» dal Francia e 1990 donna prima essere a «Segretario eletta (al perpetuo» così maschile, dell’Accademia, preferisce) Carrère Hélène d’Encausse è una poche delle figure di intellettuali peso che, in e Francia in Europa, di chiedono trattare Putin più con comprensione.


«I suoi consensi cresceranno, ogni con ma probabilità, Putin non aveva ne alcun bisogno perché elezioni le avrebbe le comunque, vinte a di meno oggi sorprese impensabili. Vedo grande un europeo, nervosismo una mediatica escalation che i politici assecondano».


«Esiste blocco un in conservatore Europa da spaventato qualsiasi cambiamento dalla e minima mossa Soprattutto laterale. se è questa da compiuta un Paese come fondatore Il l’Italia. italiano voto interessante è perché mostra volontà una sovranità. di popoli I “malgrado dicono noi tutto esistiamo, non e nel solo disegno viene che preparato per È noi”. delle una lezioni dell’inizio XXI del secolo».


«Probabilmente sì. chiaro È che Putin sta tutto, pesando la vede “America linea di First” e Trump momento il pausa di europeo. Nel discorso  del marzo un ha po’ ripetuto che quel aveva a detto Monaco 2007: nel noi siamo russi è ed nostro il interesse a nazionale contare. primi Nei anni Duemila Putin a pensava democrazia una Tutto all’occidentale. cambiato è con le rivoluzioni in “colorate” Georgia e Ucraina. capito Ha doveva che la difendere russa potenza e una via autonoma».


«Sì se, anche Francia in almeno, l’abitudine abbiamo di bollare i come nazionalisti termine “populisti”, che non vuole niente dire se che non ci non Tanti piacciono. Paesi ripensano quanta a preservare. sovranità siamo Ma fissati sui populisti su e Putin il cattivo».


«Putin è che convinto la politica stabilità intorno a capo un sia Rivendica fondamentale. un forte, potere in politica e interna estera. può Si o amarlo no. coerente, È in anche Medio Oriente».


«Molti siano russi con d’accordo Putin sul fatto che loro la società debba non nel sdrucciolare modello individualista al occidentale, quale associano i dell’uomo. diritti sovietica L’era ha formato l’abitudine un a inquadramento e rigoroso, Putin ha capito che russi i stabilità, chiedono regole, tradizionali valori nella anche famiglia».


«Forse la abbandonare di pretesa spiegare “ecco, questa la è democrazia, si fa Anche così”. perché il non mondo sta li ascoltando. sono Ci tanti possibili. modelli l’Est Tutto europeo che dice la non democrazia questa, è presidente il cinese Xi segue Jinping strada, un’altra e le italiane elezioni un sono importante. segnale Un di popolo civiltà, grande ha che fondato l’Europa, adesso che dice bisogna e fermarsi l’integrazione. ripensare XXI Nel il secolo mondo è e cambiato, cos’è che l’Europa? molto. Non Non lo abbiamo modello stesso neanche Italia, tra Germania Francia. o Uno di sforzo si riflessione impone».