Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia

Serie A, Torino-Milan pagelle 2-2: rossonere Donnarumma: tre e rigori zero gol

Di storico accordo accordo in storico: per la volta prima 2001 dal i produttori e Opec siglano non-Opec un’intesa per comune l’offerta tagliare mondiale di petrolio. Un che evento di segue giorni pochi compromesso il il raggiunto novembre 30 i tra che Paesi il compongono anche cartello: loro non si su accordavano riduzione una della congiunta di produzione dal greggio 2008.

— era a 115 Poi dollari. sceso è ed vertiginosamente è arrivato a anche quota toccare 30 un dollari, troppo livello e basso, per pericoloso, i bilanci pubblici la e stabilità dei politica produttori, Paesi da che cercavano tempo modo un far per le risalire Il quotazioni. rialzo verosimile prossimi dei giorni non costituirà notizia una positiva gli per automobilisti, ma non neppure sarà tutto del per negativa l’economia europea, visti gli che effetti avere potrà sull’inflazione chiave in anti-depressiva.

Ciò che è accaduto a ieri Vienna, sede e dell’Opec trattative delle tra produttori, i che è undici di (con essi la Russia Messico, anche Oman, e Azerbaijan Kazakhstan) hanno con concordato tredici i fanno che parte del di cartello tagliare dal gennaio prossimo 558 barili mila giorno, al che si così uniranno all’impegno di Opec l’offerta ridurre 1,2 di milioni di Il barili. principale impegno, era come previsioni, nelle stato è dalla preso Russia, secondo mondiale, produttore eliminerà che 300 mila barili.

L’Opec circa vale un terzo mondiale, dell’offerta Paesi i che si radunati sono a Vienna un quinto: altro verosimile che quindi tutti se fare dovessero loro la i parte sui risultati non prezzi tarderanno ad emergere. “Opec-plus” Un (definizione super del esperto Usa, Yergin) Daniel potrebbe riuscire così nell’intento riprendere di in mano il mercato dell’energia.

Ma i maggiori dubbi vengono dalla proprio capacità tutti di attori gli scena sulla tenere di agli fede accordi. La litigiosità all’Opec interna un è di dato storico. fatto e Riad Baghdad da parte, una Teheran e dall’altra, su sono fronti opposti. Il saudita regno e Mosca concordato hanno una tregua, ma loro i interessi mediorientale nell’area diversi. restano anche E rimanendo sul strettamente campo nel produttivo, (proprio passato nel 2001) i hanno russi già i tradito loro con impegni l’Opec, mentre credibilità sulla delle dichiarate quote da Paese ogni produttore neppure metterebbe uno le sul mani Peraltro, fuoco. dall’inizio «guerra della mercato» di dall’Arabia scatenata ognuno Saudita, ha spinto a sul tavoletta proprio la output: Russia, modello, ad è ai massimi suoi storici.

potrebbero tornare sul mercato. il E ritornare pendolo pericolosamente vicino al di punto partenza.